Zoo Station

Un blog dal tono sostenuto

La cululùchira

“Senta, signora, rifletta con calma prima di rispondere. Cerchi di ricordare bene. Tempo fa alla villa ci sono state tre ragazze russe, Irina, Sonia e Katia. Se le ricorda?”
“Certo. Katia era ‘na brava picciotta. Sonia sinni scappò”
“Ha avuto modo di vedere se tutte e tre avevano lo stesso tatuaggio vicino alla scapola sinistra?”
“Sissignura, ‘na faffalla”
“Tutte e tre?”
“Tutte e tri. ‘Na faffalla uguali pricisa ‘ntifica. Na vota, ma ora fannu dù anni passati” proseguì la fimmina “vitti un tatuaggiu nella scapola mancina di una picciotta russa, nni lo stisso posto priciso indove le autre avivano la faffalla”
“Una farfalla di tipo diverso?”
“Nonsi, nun era faffalla… aspittasse ca non mi veni comu si chiama… si chiama.. ah eccu: cululùchira“.

O matre santa, e che potiva essiri? Un sedere tatuato? Non era eccessivo macari per una ballerina di night?
“Mi può spiegare cos’è?”
“Nun lo sapi che è? Oh binidittu Diu! Tutti lu sannu che è! E io ora comu fazzu a spiegariccillo?”
“Ci provi”
“Allura… dicemu ca è granni squasi quantu ‘na musca, vola di notti e fa luci”
Una lucciola!

Andrea Camilleri “Le ali della sfinge”

gennaio 26, 2007 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento