Zoo Station

Un blog dal tono sostenuto

Urbana si è svuotata di colpo nell’ultimo weekend con la fine dell’università. Sabato mattina mi sono svegliato e ho visto tutti i miei coinquilini andarsene a casa uno dopo l’altro. La sera ho salutato le persone più importanti di questi cinque mesi. Abbracciavo Jules e ho cominciato a dirle qualcosa quando mi sono accorto che non sarei mai riuscito a finire quella frase: “Fede, you’re starting to become sentimental”. Sì, decisamente. Chissà come si dice magone in inglese?
Quindi sono due giorni che sono qui praticamente da solo. Ed è veramente noioso. E se mi ci metto a pensare anche un po’ deprimente e triste. Quindi preferisco non pensarci. Meglio un po’ di Californian Blog-Notes.

San Francisco. Guidare su e giù per Castro. Mission. Il taxista che parla di Barry Bonds. Mangiare pesce fritto all’Embarcadero. The Bar. Cafe Flor. Ashbury & Height. Amoeba Records. Anchor’s Steam al Cafe Vesuvio. Io e CervelloinLuca approssimati decisamente per eccesso!


Songs & Places. Un posto fuori dal mondo, un momento fuori dal tempo. Un professore che suona blues e beve vino, una giapponese che strimpella un basso un po’ per caso, un estone che improvvisa col violino, io che guardo Tanaz senza parole.



Coachella. I Sigur Ros col sole che tramonta sul deserto alle loro spalle. Cat Power bellissima più di quanto potessi immaginare. Io che ballo come un cretino su Amadou&Mariam. La campana tibetana sulla chitarra dei TvOnTheRadio. La saxofonista degli Zutons. Tear Drop. E Madonna: e sono ancora senza aggettivi..

Annunci

maggio 16, 2006 Posted by | Uncategorized | 5 commenti